BENISTRUMENTALI

BENI STRUMENTALI

Come si ottiene il credito di imposta per i Beni Strumentali

Reading Time: 2 minutes

In questo articolo spieghiamo, più nel dettaglio, come ottenere il credito di imposta. In particolare ci concentriamo in modo semplice e chiaro sugli step che dovranno seguire gli imprenditori di piccole e medie imprese per ottenere il credito.

 

Ricordiamo che quest’ultimo può essere richiesto sia per l’acquisto di beni strumentali materiali che per beni strumentali immateriali. Scopri gli articoli che abbiamo realizzato nel nostro blog. 

 

A chi è rivolto il credito d’imposta? 

 

A tutte le società operanti sul suolo nazionale, incluse le stabili organizzazioni di soggetti non residenti, indipendentemente dalla loro struttura legale, dal settore di attività, dalle dimensioni, dal sistema contabile e dalle modalità di determinazione dei redditi ai fini fiscali.

 

Il credito d’imposta per gli investimenti in altri tipi di beni strumentali materiali è esteso anche a liberi professionisti, partecipanti al regime forfetario, aziende agricole e compagnie marittime.

 

Non possono beneficiare di questo credito le imprese in fase di liquidazione volontaria, fallimento, amministrazione straordinaria, accordo di ristrutturazione aziendale senza continuità operativa e altre procedure concorsuali. 

 

Sono escluse anche le imprese soggette a sanzioni interdittive ai sensi dell’articolo 9, comma 2, del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231.

 

Per usufruire di questo vantaggio fiscale è necessario rispettare le normative sulla sicurezza sul posto di lavoro e adempiere correttamente agli obblighi contributivi previdenziali e assistenziali a favore dei dipendenti.

 

Come si accede al credito d’imposta per i beni strumentali? 

 

Per quanto riguarda i beni strumentali avanzati dal punto di vista tecnologico, sia materiali che immateriali, le aziende devono presentare una valutazione tecnica ufficiale, attestata da un ingegnere o da un esperto industriale, oppure un certificato di conformità emesso da un ente di certificazione accreditato.

 

Questi documenti devono dimostrare che gli articoli possiedono specifiche tecniche che li qualificano per essere inclusi negli elenchi allegati A e allegato B, e che sono integrati nel sistema di gestione della produzione aziendale o nella catena di approvvigionamento. 

 

Nel caso in cui il costo di acquisizione di un singolo bene non superi i 300.000 €, è sufficiente una dichiarazione firmata dal legale rappresentante.

 

Questa guida rivolta alle PMI descrive quindi in maniera semplificata come ottenere il credito di imposta. Se, comunque, desideri una consulenza personalizzata ti invitiamo a scaricare la nostra guida e a compilare il form.

Lorenzo Stefanelli

Lorenzo Stefanelli

Lorenzo collabora con Golden Group in qualità di Adv Specialist.
La sua avventura nel digital marketing inizia nel 2018, in questi anni ha acquisito sempre più esperienza aiutando diverse aziende a creare una strategia digitale di successo.
Nell'ultimo periodo si appassiona alla creazione di contenuti, che realizza per il blog di Beni Strumentali.

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *